VERTICE DI PACE A LUCERNA: PERCHÉ LA SERBIA HA FIRMATO LA DICHIARAZIONE FINALE

La dichiarazione finale del vertice di pace sull'Ucraina, tenutosi a Lucerna senza la partecipazione di russi e cinesi, non è stata firmata da alcuni dei Paesi partecipanti, quelli genericamente indicati come "sud del mondo" filorusso (tra loro ad esempio Messico, Indonesia, Thailandia), mentre con una certa sorpresa è stata sottoscritta dalla Serbia, rappresentata dal ministro degli esteri Marco Đurić.

Il quotidiano progressista serbo Danas si è chiesto in un interessante articolo per quale motivo la Serbia di Vucic, considerata un Paese molto vicino alla Russia, tanto da non aver mai aderito alle sanzioni contro Mosca, abbia scelto di partecipare al vertice e di aderire acriticamente alla dichiarazione finale. La risposta appare abbastanza ovvia agli interlocutori di Danas: un punto fondamentale della dichiarazione riguarda la difesa dell'integrità territoriale dell'Ucraina. Questa condizione, per la Serbia di Vucic, va difesa per trasferirla direttamente sulla questione kosovara: la Serbia insomma si pronuncia sull'integrità dell'Ucraina per ribadire che il Kosovo fa parte del suo territorio e mai ne riconoscerà l'indipendenza.

Esattamente come l'ungherese Orban, Vucic non ha mai avuto timori a giocare su due tavoli, mostrandosi più o meno europeista o filorusso a seconda del momento e della convenienza: apertura all'Unione Europea e parlamento panserbo con Dodik, firma delle conclusioni di Lucerna e rifiuto di aderire alle sanzioni contro Mosca...

Qui l'articolo completo di Danas


Commenti

Post popolari in questo blog

UFFICIALE: DODIK PRESIDENTE DELLA REPUBLIKA SRPSKA

SREBRENICA E IL PRIMO 11 LUGLIO SENZA IRFANKA PASAGIC

KOSOVO: GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI